Ecce Homo – Ragusa

pe. giovanni, fidei donum

I RAGAZZI DELLA CHIESA DELL’ECCE HOMO SEMINATORI DI GRANO E PACE

Il parroco don Battaglia: “E’ un modo per non dimenticare i tragici fatti di questi giorni. Occorre maggiore responsabilità”

 

I_ragazzi_dell_ecce_homo_pronti_per_la_missione

Un messaggio. E un auspicio. Sono quelli arrivati ieri pomeriggio durante la giornata che ha dato il via ai festeggiamenti in onore della Madonna del Rosario nella chiesa del Santissimo Ecce Homo. I lupetti del gruppo Agesci Ragusa 1, i ragazzi del catechismo assieme a quelli dell’oratorio si sono ritrovati in piazza Solferino. Qui, sotto la guida del parroco, don Giovanni Bruno Battaglia, si sono recati nel piccolo santuario della Madonna delle Grazie dove hanno seminato il grano e messo a dimora un piccolo pino. Un segno simbolico nella giornata dedicata a San Francesco. “Non a caso – spiega il parroco – abbiamo denominato l’evento “Giornata dell’ecologia”. E lo abbiamo fatto per unirci in preghiera e in riflessione a Papa Francesco che, proprio ieri, si trovava ad Assisi. E’ il nostro modo per chiedere l’intercessione di San Francesco allo scopo di potere essere operatori di Pace ma anche per avere cura del Creato. Il gesto di seminare il grano vuol dire proprio questo: seminare la Pace”. Padre Battaglia ha indossato la stola nera esprimendo il cordoglio dell’intera comunità per i migranti morti al largo di Lampedusa e, lunedì scorso, anche lungo le coste iblee. “Ci uniamo alla solidarietà nazionale – aggiunge – anche in questo momento non vogliamo soltanto pensare ad un gesto che sia estraneo agli eventi, anche tragici purtroppo, che si verificano nella nostra terra. Restiamo con i piedi per terra e dobbiamo guardarci attorno. Durante una riflessione fatta con le reti sociali, stiamo portando avanti un discorso che possa fungere da stimolo per i governi, per gli organismi internazionali. Non possiamo soltanto limitarci all’accoglienza. Dobbiamo trovare le forme più adatte per arrivare alle cause di questo fenomeno: dai nuovi negrieri, al traffico umano, per non parlare di interessi molto più elevati come la finanza killer. Occorre maggiore responsabilità”. Domani i festeggiamenti proseguono con la Giornata della famiglia. Alle 11, la celebrazione della santa messa con la supplica alla Madonna del Rosario di Pompei. Dalle 16 e sino alle 18 si terrà un incontro per le famiglie tenuto da don Romolo Taddei sul tema: “Il segreto di stare bene insieme”: Alle 19,30, lo stesso don Taddei presiederà la santa messa che sarà animata dai vari nuclei familiari. La festa liturgica della Madonna del Rosario sarà celebrata lunedì 7 ottobre. Con un evento speciale. Infatti, alle 19, la celebrazione della santa messa sarà caratterizzata dall’anniversario del 25esimo anno di parrocato di don Carmelo Leggio nella comunità dell’Ecce Homo. Ad animare la funzione religiosa la corale parrocchiale. Subito dopo si procederà con la benedizione dei rosari missionari. Martedì 8 ottobre, la celebrazione della “Giornata della vita nascente”. Alle 16 la visita al reparto di pediatria dell’ospedale Maria Paternò Arezzo. Alle 19, la santa messa sarà presieduta da padre Santo Sessa, carmelitano. Durante la celebrazione saranno benedette le donne in gravidanza. Alla riuscita della festa hanno contribuito la Banca Agricola Popolare di Ragusa e, tra gli altri sponsor, anche l’Ecipa, l’ente di formazione della Cna.

http://www.ragusaoggi.it/37133/i-ragazzi-della-chiesa-dell-ecce-homo-seminatori-di-grano-e-pace

1383120_10201441987524371_856596150_n 1385481_10201442096207088_81548822_n 1375773_10201442068246389_292524227_n 1376531_10201441994804553_1171844684_n 1375181_10201442081246714_643622209_n

Annunci

I commenti sono chiusi.