Ecce Homo – Ragusa

pe. giovanni, fidei donum

Il figlio della luna

Un film di Gianfranco Albano. Con Lunetta SavinoAntonio MiloPaolo BrigugliaSabrina SirchiaAlessandro Morace.

continua»  Formato Film TV, Drammaticodurata 90 min. – Italia 2006.  Locandina Il figlio della luna
Locandina Il figlio della luna

Solo facendo parlare di lui gli daranno attenzione… a lui e a tutti gli altri nelle sue condizioni… chi sta bene si può stare zitto… chi ha bisogno dell’aiuto dello Stato, delle Istituzioni… deve gridare”: a parlare è Lucia Frisone, la madre di Fulvio, affetto da tetraplegia spastica distonica dalla nascita, ora quarantenne fisico nucleare. Alla storia della loro vita è dedicato il film per la tv realizzato dalla 11 marzo di Matteo Levi con la regia di Gianfranco Albano. Ad interpretare Lucia Frisone, detta “mamma ciclone” sarà Lunetta Savino, mentre Fulvio avrà il volto, a seconda dell’età, di Alessandro Morace e, successivamente, di Paolo Briguglia.
Carmelo e Lucia Frisone, entrambi siciliani, di modesta estrazione e di scarsa cultura – “io tengo solo la quinta elementare” ricorda spesso la signora -, dopo due figlie, Palmira e Pinella, si ritrovano a dover crescere – a causa di insipienza medica al momento del parto – un bimbo affetto da gravissime menomazioni. La madre farà di tutto perché questo figlio, purtroppo leso nel fisico e nel linguaggio, cresca e studi come tutti gli altri coetanei, arrivando addirittura a far modificare una legge che prevedeva per i ricercatori universitari una “sana e robusta costituzione”.
Per studiare e disegnare (le sue altre passioni oltre alla Fisica, sono la poesia e la pittura) Fulvio adopera, con grandi sforzi, una sorta di casco dal quale pende un sottile braccio meccanico, un’evoluzione del primo, artigianale, costruitogli dal padre Carmelo. La madre Lucia, oltre alle tante battaglie per l’educazione, si è sempre mobilitata per la riapertura delle case chiuse, riuscendo intanto a far avere al figlio menomato anche una normale attività sessuale. Ed ha ottenuto dallo stato un’assistenza sociale di ventiquattro ore al giorno. Nessun politico alle spalle, nessun appoggio istituzionale, solo una grande attenzione dei mass media che hanno portato agli onori di cronaca il caso. E tutto ciò, grazie al coraggio, alla forza d’animo e alla tenacia di questa madre, la quale, a sua volta, grazie alle difficoltà del figlio, è cresciuta, ha imparato tante nuove cose, ha tanto viaggiato e ha vissuto esperienze che mai avrebbe immaginato.
Il film racconta questa storia partendo da un viaggio della famiglia a Melbourne, per un convegno scientifico sulla Fisica Nucleare, e ripercorrendo, in flash back, le tappe di questo straordinario percorso umano. Uno sguardo, dalla finestra dell’albergo, alla luna “australiana”, la stessa luna tanto amata e guardata la notte della nascita di Fulvio. Il dramma del parto e la rivelazione della malattia, le umiliazioni ricevute dalla gente comune e dalle istituzioni, gli scoramenti superati, le invenzioni e gli insegnamenti – grazie ad un intuitivo metodo della madre, Fulvio a quattro anni leggeva e, nonostante le diagnosi dei medici, imparò, se non proprio a parlare correttamente, ad articolare dei suoni quasi comprensibili. Le lotte per entrare nelle scuole pubbliche, le prime amicizie e i primi attestati di accettazione e rispetto da parte della società, fino all’attenzione della stampa e al riconoscimento di importanti diritti civili.

http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=56560

Annunci

I commenti sono chiusi.