Ecce Homo – Ragusa

pe. giovanni, fidei donum

PAPA FRANCESCO: NEL VOLTO DEI RIFUGIATI È IMPRESSO IL VOLTO DI CRISTO. IL CRISTIANO È COLUI CHE DICE ‘Sì’ ALLA VITA

 

Città del Vaticano, 19 giugno 2013 (VIS). Al termine della catechesi dell’Udienza Generale, il Santo Padre ha ricordato la Giornata Mondiale del Rifugiato che si celebra domani e che quest’anno è dedicata soprattutto alle famiglie rifugiate “costrette spesso – ha sottolineato il Pontefice – a lasciare in fretta la loro casa e la loro patria e a perdere ogni bene e sicurezza per fuggire da violenze, persecuzioni, o gravi discriminazioni a motivo della religione professata, dell’appartenenza ad un gruppo etnico, delle loro idee politiche”.

“Oltre ai pericoli del viaggio, spesso queste famiglie si trovano a rischio di disgregazione e, nel Paese che li accoglie, devono confrontarsi con culture e società diverse dalla propria. Non possiamo essere insensibili verso le famiglie e verso tutti i nostri fratelli e sorelle rifugiati: siamo chiamati ad aiutarli, aprendoci alla comprensione e all’ospitalità. Non manchino in tutto il mondo persone e istituzioni che li assistano: nel loro volto, è impresso il volto di Cristo!”.

Successivamente il Santo Padre ha ricordato che: “Domenica scorsa, nell’Anno della fede, abbiamo celebrato Dio che è Vita e fonte della vita, Cristo che ci dona la vita divina, lo Spirito Santo che ci mantiene nella relazione vitale di veri figli di Dio. Vorrei rivolgere ancora una volta l’invito a tutti – ha aggiunto – ad accogliere e testimoniare il ‘Vangelo della vita’, a promuovere e a difendere la vita in tutte le sue dimensioni e in tutte le sue fasi. Il cristiano è colui che dice ‘sì’ alla vita, che dice ‘sì’ a Dio, il Vivente”.

 

Annunci

I commenti sono chiusi.